• Incontri

  • Colori.

  • Natura.

  • La Montagna, Unisce.

Copyright 2019 - CAI -Sezione Lanciano - ONLUS - VIA DEI FRENTANI 43 - 66034 - LANCIANO (CH) - Codice Fiscale: 90008320690

Programma 2019

  programma Scarica  

 

 

Prossimo Evento

calendario

Nessun evento da visualizzare

Webcam del Rifugio

         webcaminconwebcam

ETNA E SICILIA ORIENTALE 02/05 GIUGNO 2016

  • 16

Come ogni anno, approfittiamo del primo caldo e delle giornate di festa tra fine aprile e maggio (questa volta abbiamo tardato!) per concederci un’escursione di più giorni.
La meta di quest’anno è stata la Sicilia ed in particolare l’Etna con i suoi 3.300 mt. ed i suoi dintorni.

 

  • 4

Partiti da Lanciano la notte tra il 1 ed il 2 giugno a mezzogiorno eravamo già in hotel a Taormina, così la mezza giornata che ci rimaneva, l’abbiamo dedicata alle fantastiche Gole dell’Alcantara.
Accompagnati da Natale, del CAI di Randazzo, abbiamo visitato le Gurne a Francavilla di Sicilia, foto dopodiché ci siamo “lanciati” in un allegro e “gelato” Trekking Fluviale nelle Gole dell’Alcantara! Si tratta di un canyon alto fino a 25 metri e largo nei punti più stretti 2 metri formato da basalti colonnari naturale di origine vulcanica e sviluppatosi migliaia di anni fa a seguito di colate laviche.

  • 1
 
  • 2
 
 
 
  • 5
 
  • 6

 

  • 3
   

 



03.06.2016 Il secondo giorno è stato dedicato al versante Nord dell’Etna.

  • 10


Accompagnati da Piero Sambataro, Presidente del CAI di Belpasso, siamo partiti da PIANO PROVENZANA.  Seguendo un sentiero in graduale salita abbiamo raggiunto la bottoniera dei crateri 2002. Da qui il sentiero aggira monte Nero fino ad addentrarsi in un boschetto di faggi. Abbiamo visitato il caratteristico bivacco di Timparossa ed altri rifugi della forestale.
Ripreso il cammino tra vegetazione e colate laviche abbiamo raggiunto una delle più lunghe gallerie di scorrimento dell’Etna: la grotta dei Lamponi  Ripreso il cammino abbiamo pranzato presso il rifugio e poi, lungo un’ampia carrareccia in leggera discesa siamo arrivati a Rifugio Case Pirao da dove abbiamo ripreso il bus che ci ha portato a Randazzo per una visita dell’abitato.

  • 7
  • 12
  • 11
  • 9

 

Due soci della nostra sezione  sono andati ad arrampicare nella vicina falesia di Castelmola (bellissima ma molto calda!), situata proprio alle spalle del nostro hotel.

  • 15
  • 14
  • 13
  • 14-1

 

 

04.06.2016 Il terzo giorno proviamo ad andare sui crateri sommitali

  • 17

anche se l’Etna è stato “agitato” fino a qualche giorno prima ed il divieto di salita è stato tolto solo poche ore prima del nostro arrivo.
Il Rifugio Sapienza è il punto di partenza per l’escursione più ambita per chi desidera raggiungere la cima del vulcano più alto d’Europa, per osservare quella che in passato era considerata dai greci e dai romani la porta degli inferi I crateri sommitali dell’Etna. Il vulcano è Patrimonio UNESCO dal 2013 per i suoi fenomeni geologici.
Qui al Rifugio incontriamo Nuccio Favo, Presidente del CAI di Pedara, piccolo paese alle pendici dell’Etna,
per salire a mt. 2600 in funivia e proseguire in jeep 2.900. Da qui, battuti da un forte vento che alzava tanta polvere, abbiamo seguito Nuccio lungo ardimentose linee di salita, a volte anche aspra. A meno di 100 mt. dalla vetta, ovvero a 3.200 mt. siamo stati fermati dalla Guardia di Finanza per problemi legislativi e di sicurezza. Quindi siamo riscesi a quota 2.900 ed abbiamo visitato vecchi crateri ed i fronti lavici aperti in questi giorni. Il pranzo è stato consumato al riparo dal vento, dentro una frattura eruttiva apertasi qualche anno prima. Delusi dall’aver mancato la vetta ma affascinati dallo straordinario paesaggio quasi lunare siamo scesi all’attacco della funivia.

  • 21
  • 19
  • 18
  • 20

 

05.06.2016 Visita di Taormina, dell’INGV di Catania e ripartenza.

  • 23

L’ultimo giorno, abbiamo fatto un’importante visita all’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Catania, dove Salvo Rapisarda, tecnico dell’Istituto, ci ha mostrato come viene effettuato il monitoraggio dell’Etna, di Stromboli e di tutta l’area della Sicilia Orientale.  Qualcuno, approfittando dei musei e zone archeologiche aperte per la prima domenica del mese, ha visitato il centro di Taormina ed il suo splendido teatro greco.  Dopo pranzo siamo ripartiti per Lanciano.

  • 25
  • 26
  • 24
  • 27

Cerca

Radar Meteo Fulmini Satellite
f t g m